Logo Fispes

I tiratori disabili in allenamento con i campioni olimpici

Versione stampabile
immagine sinistra

In occasione del raduno del Gruppo Tiratori Fiamme Gialle si sono conclusi al poligono di Padova due sessioni di allenamento integrato tra i campioni olimpici di pistola Roberto Di Donna, Niccolò Campriani, Valentina Turisini (oggi Direttore Tecnico della UITS), cinque atleti della Nazionale di Tiro a segno paralimpico (Nadia Fario, Ermes Vanotti, Ivano Borgato, Pamela Novaglio e Mauro Decina) e una trentina di tiratori padovani.

Lo stage di allenamento, coordinato dal tecnico FISPES Flavio Erriu, è stato caratterizzato da un confronto tecnico sulle linee di tiro della durata di tre ore, fatto seguire da un’ora e mezzo di “riflessioni sul tiro” dove i medagliati delle Olimpiadi di Atlanta e Londra sono saliti in cattedra per dare utili consigli e suggerimenti ai tiratori disabili. In particolare, si sono soffermati su quanto l’aspetto psicologico possa influire in una condotta di gara e quanto si tenda solitamente a sottovalutare la paura e l’incertezza anche per campioni del loro calibro.

Il secondo giorno, sempre nello stand ad aria compressa, è stata organizzata una vera e propria competizione con una fase eliminatoria e la finale. La migliore prestazione tra gli Azzurri è arrivata da Nadia Fario che è riuscita nell’occasione non solo a migliorare il suo personale con un eccellente 370, ma a piazzarsi al quarto posto nella classifica mista maschile e femminile di disabili e normodotati.

Entusiasmo alle stelle per tutti i partecipanti, molto riconoscenti per l’opportunità ricevuta da parte dello staff tecnico della Nazionale Olimpica.


2014-12-06


Ultime notizie in Tiro a segno