Logo Fispes

Terminati con successo i Campionati Italiani di Bologna

Versione stampabile
immagine sinistra

A conclusione dei Campionati Italiani che si sono svolti al poligono di Bologna nel weekend, si respira aria di rinnovamento per il Tiro a Segno paralimpico. Sono stati infatti quattordici i nuovi atleti che si sono uniti ai 23 veterani della disciplina per contendersi i titoli assoluti del 2014. 

La competizione, iniziata sabato 20 settembre alla presenza del Presidente della FISPES Sandrino Porru, si è aperta con la pistola sportiva a 50 metri che su tutti ha fatto registrare la netta superiorità di Ermes Vanotti (ASD Aspea Padova Onlus) e con le carabine a 10 metri posizione a terra per gli atleti appartenenti alle classi SH1 e SH2. I tiratori Jacopo Cappelli (Sport in H Faenza) e Massimo Dalla Casa (ASD Disabili Faenza), già componenti della rosa azzurra dei Mondiali di Suhl dello scorso luglio, si sono aggiudicati la vittoria rispettivamente nella specialità R3 ed R5.

Mauro Decina (Tiro a Segno Nazionale Sezione di Roma) si è laureato campione italiano nella pistola a 10 metri (P1) con 552 punti, mentre Nadia Fario (ASD Aspea Padova Onlus) ha totalizzato il punteggio di 368 nella P2, chiudendo in bellezza un anno che l’ha portata alla ribalta internazionale con la medaglia d’argento conquistata nella competizione internazionale di Hannover e l’accesso alla finale mondiale ottenuta in Germania.

Nei 50 metri si sono confermati tra i più forti della carabina Massimo Croci (ASD Atletico H) e Massimo Dalla Casa che vantano grande esperienza tra le fila della Nazionale azzurra. Nella P5 è stato invece Giovanni Bertani (ASD Atletico H) ad agguantare il titolo tricolore.

La giornata di domenica 21 settembre ha visto di nuovo protagonista Mauro Decina che, nella pistola mista a 50 metri (P4) ha lasciato il secondo e terzo gradino del podio alle tiratrici Nadia Fario e Vittoria Giordano (ASD Atletico H). Se nel confronto tra gli atleti di carabina a metri 10 della specialità “standing” (R1) si è avuta una riconferma al vertice per Jacopo Cappelli, nella R4 si è registrata un’inusuale e spettacolare parità di 627,7 punti tra Giuseppe Marchitelli (ASD Phoenix Putignano) e Massimo Dalla Casa. In questi casi per regolamento si è dovuti ricorrere al conteggio delle mouches che hanno attribuito la vittoria a quest’ultimo per 55 mouches contro 54.

È stata la società ASD Disabili Faenza a dominare con 22 punti le specialità della carabina, mentre per la pistola l’ASD Aspea Padova Onlus ha chiuso al primo posto con 30 punti.

Per il responsabile nazionale del Tiro a Segno Giuseppe Ugherani, questi Campionati sono stati un passaggio importante per elaborare la programmazione futura della disciplina in vista delle Paralimpiadi di Rio del 2016. L’occasione della rassegna assoluta ha consentito inoltre la formazione in campo di nuovi tecnici specializzati che a breve saranno operativi per lo sviluppo del Tiro a Segno paralimpico su tutto il territorio italiano. 

L’organizzazione della manifestazione è stata a cura del TSN di Bologna presieduta da Maurizio Calzolari, già giudice internazionale IPC.


2014-09-22


Ultime notizie in Tiro a segno