Logo Fispes

Mondiali di Suhl all’insegna delle carabine

Versione stampabile
immagine sinistra

La giornata odierna ai Mondiali di Tiro a Segno paralimpico di Suhl ha visto quattro atleti italiani di carabina SH2 impegnati nella specialità mista R5 a metri 10, la più diffusa della loro categoria.

Il livello tecnico espresso è stato molto alto e la competizione molto serrata in quanto ogni minimo errore valutato in decimi di punto poteva far salire o scendere di dieci posti in classifica.

Gli azzurri si sono ben comportati soprattutto nella prima fase di gara, soffrendo perònelle serie finali. Massimo Dalla Casa si è confermato, anche nella R5, il miglior tiratore italiano andando ad occupare la 29ima posizione, mentre la portabandiera Pamela Novaglio è riuscita a superare quota 628 punti, seguita a distanza dagli altri componenti della squadra Giuseppe Marchitelli e Diego Gnesini.

Alla finlandese Minna Leinonen il gradino più alto del podio, mentre il serbo Dragan Ristic e il neozelandese si sono assicurati argento e bronzo rispettivamente.

Ieri la delegazione italiana rappresentata dal Capo Missione e Consigliere Federale della FISPES Nicola Carabba e dal referente tecnico Giuseppe Ugherani hanno partecipato allo Sport Forum del Tiro a Segno paralimpico, dove i 53 paesi partecipanti hanno ascoltato la relazione del Comitato Paralimpico Internazionale riguardo al quadrimestre 2010/2014 e votato per le proposte future, quali la regolamentazione del tiro per ciechi e ipovedenti, e il proseguimento dello studio da parte della FITAV per il tiro a volo paralimpico.

Domani l'Italia schiererà Marco Pusinich nella P4 di pistola a 50 metri, specialità in cui alle Paralimpiadi di Londra ha ben figurato classificandosi decimo.

Sito ufficiale dei Mondiali di Suhl 2014

Live scoring/Risultati


2014-07-24


Ultime notizie in Tiro a segno