Logo Fispes

Italia/Irlanda di Wheelchair Rugby, una giornata speciale

Versione stampabile
immagine sinistra

Per la Nazionale italiana di Wheelchair Rugby la partita contro l’Irlanda è stata una giornata speciale. Gli Azzurri, per per la prima volta a Roma, hanno regalato al pubblico dell’Arena Altero Felici della Stella Azzurra uno spettacolo di sport e di grandi emozioni, mettendo in campo il loro agonismo e tutta la loro carica.

Nonostante la sconfitta per 58-38, la squadra italiana ha lottato già dalle prime battute, restando a soli – 5 punti dall’avversaria alla fine del primo tempo (13-8). Grazie alla velocità di alcuni suoi atleti, la rappresentativa irlandese è riuscita comunque ad incrementare la distanza a +10 (28-18) nel secondo quarto e a prendere il largo nel terzo (45-28). Nelle ultime frazioni di partita l’Italia ha espresso il suo miglior gioco, ma gli irlandesi hanno fatto prevalere la loro maggiore compattezza e preparazione atletica.

Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, ha esortato gli atleti e i presenti a continuare a lavorare in questa direzione: “Il CIP fatica non poco a promuovere lo sport per persone disabili nel nostro paese. Passione, determinazione e cuore sono emozioni identiche che provano e  trasmettono gli atleti normodotati e disabili. I ragazzi e i bambini che sono qui oggi rappresentano le nuove generazioni che costruiranno un paese migliore senza differenze”.looking to buy a replica watch

Dello stesso tenore l’intervento del Presidente della FISPES, Sandrino Porru: “È una giornata indimenticabile quella di oggi dove il mondo olimpico e paralimpico si uniscono assieme perché lo sport è la casa di tutti. La nostra missione è quella di creare un movimento sempre più unito. È importante continuare a sostenere il Rugby in carrozzina e iniziative di promozione come queste perché i ragazzi possano continuare ad esprimere le loro potenzialità. Lo sport è una scuola di vita che riesce a costruire una società viva”.

A fare da madrina al test match c’era l’attrice Nancy Brilli: “È la prima volta che partecipo ad un evento del genere  e non sarà sicuramente l’ultima. Ho visto una grande forza e una grande energia in questi giocatori, uno spettacolo bellissimo da vedere”.

L’atmosfera di festa è poi proseguita con il Terzo Tempo all’Unione Rugby Capitolina dove si sono svolte le premiazioni e allo Stadio Olimpico, dove le due Nazionali di Wheelchair Rugby sono state accolte con grande calore dagli oltre 60.000 spettatori presenti per il big match Italia-Irlanda del 6 Nazioni. 


2015-03-27


Ultime notizie in Rugby in Carrozzina