Logo Fispes

Otto record italiani agli Indoor ed Invernali Lanci di Ancona

Versione stampabile
immagine sinistra

Ad Ancona la prima giornata dei Campionati Italiani Paralimpici Indoor ed Invernali Lanci si conclude con otto record assoluti complessivi, sette ottenuti al coperto e uno in pedana outdoor. 

Nei 60 metri T38 Emanuele Muratorio (H2 Dynamic Handysports Lombardia) lima il  primato italiano di 12 centesimi, già suo, correndo in 8.99. Stessi numeri fortunati e stessa felice conclusione per Stefano Stacchiotti della S. Stefano Sport che ha siglato la migliore prestazione tricolore T37 di 9.11.

Per la categoria T43 il compagno di squadra Andrea Lanfri sale sul gradino più alto del podiocon un 8.53che abbatte di un secondo e tre centesimi il precedente limite nazionale. La H2 Dynamic Handysports Lombardia centra altri due risultati-record con Andrea Terraneo (10.74 per i T35) e Fabio Bianchi (11.36 per i T36).

Per lo stesso club, è stato un recupero incredibile, quello di Emanuele Di Marino che, alla prova dei 60 dopo l’operazione al menisco, si laurea campione italiano indoor T44 con un personal best di 7.77 a soli 5 centesimi dal primato tricolore.

Nei 400 T37 il recordman si chiama Christian Bonaccina (GSH Sempione 82) che si migliora di ben 15 centesimi.Tra i T20 Ruud Koutiki (Anthropos Civitanova), reduce la scorsa settimana da un argento 4x200 e un bronzo 4x400 ai Mondiali Inas di Ancona riservata agli atleti con disabilità intellettiva-relazionale, conquista in agilità la corona degli assoluti FISDIR con 54.70.

Nella distanza dei 1500 T37 Spartak Doci (Polisportiva Dilettantistica Aspet) fa registrare l’interessante primato in sala di 4:41.30, che supera di un minuto e 13 secondi il precedente di due anni fa.

In chiave femminile, Monica Contrafatto (Paralimpico Difesa) vince il primo oro indoor della sua carriera nei 60 T42 con un crono di 10.26. Cattive notizie invece per la sprinter T43 Federica Maspero costretta a saltare l’appuntamento con le gare per una sindrome influenzale.

Allo Stadio Italico Conti, nel disco F11al primo tentativo Oney Tapia (Omero Runners Bergamo) scaglia l’attrezzo a 38,14, firmando il nuovo primato mondiale stagionale a poco più di due metri sotto il suo record tricolore di 40,26. Per le donne, ottimo debutto da 30,19 per Assunta Legnante (Anthropos Civitanova)  nella specialità di cui è campionessa europea in carica. È migliore prestazione italiana (7,58) invece per Giuseppe Campoccio (Paralimpico Difesa) nel peso F34.

Sempre nella rassegna invernale lanci, Giacomo Poli (Atletica Francesco Francia) fa di nuovo suo il titolo assoluto nel giavellotto F44 con la misura di 38,70 mentre la lanciatrice in carrozzina F55 Carmen Acunto (GSH Sempione 82), come al solito, non conosce rivali nel peso con 6,26.

A seguire i Campionati c’era anche il Presidente della FISPES Sandrino Porru che ha invitato gli atleti e le società FISPES a Grosseto a tifare la Nazionale agli Europei paralimpici del prossimo giugno: “Sono particolarmente grato ad Ancona e a tutti gli amici che ogni anno ci sostengono per la rassegna indoor e lanci. Quest’anno è molto importante per tutti noi perché l’Italia si cimenta nell’organizzazione di una delle più grandi manifestazioni della nostra storia paralimpica che farà da preludio alle Paralimpiadi di Rio. Noi ci saremo con le nostre punte di diamante ma dobbiamo sentirci tutti coinvolti. Sosteneteci e venite allo Stadio Zecchini perché sarà un grande orgoglio per il nostro paese”.

Domani, domenica 20 marzo, la seconda e ultima giornata di gare avrà inizio alle ore 9:15.

Foto Ability Channel

Risultati
http://www.fidalservizi.it/risultati/2016/Ancona_Fispes_2016/Index.htm

Programma orario
http://fispes.it/showquestion.php?faq=1&fldAuto=907


2016-03-20
immagine centrale


Ultime notizie in Atletica