Logo Fispes

Oro Caironi alla finale del Grand Prix di Londra

Versione stampabile
immagine sinistra

L’IPC Athletics Grand Prix, circuito mondiale di Atletica paralimpica attraverso cinque continenti e dieci paesi, trova la sua conclusione ufficiale a Londra con una finale che riserva grandi soddisfazioni agli Azzurri in gara.

Dopo le Paralimpiadi del 2012, lo Stadio Olimpico porta ancora bene alla primatista iridata Martina Caironi (Fiamme Gialle) che corona una stagione straordinaria con l’ennesima vittoria nel lungo accorpato T42-44, orfano della rivale Vanessa Low. Il suo salto migliore di 4,33 metri arriva al secondo tentativo che lascia dietro di sé l’olandese Marlene Van Gansewinkel (T44).

Al maschile, per la stessa specialità, si difende con dignità il pluricampione assoluto Roberto La Barbera (GSH Pegaso). All’attacco dei soliti nomi noti come il lunghista tedesco Markus Rehm (oro a 7,83) capace di esprimersi a livello dei normodotati, il veterano azzurro risponde con una prestazione da 5,92 che lo colloca in settima posizione in classifica.

Ma sono i 100 metri T44 ad essere la gara clou del pomeriggio londinese dove tra i partenti trova spazio anche Emanuele Di Marino. In una pista bagnata, il velocista della H2 Dynamic Handysports Lombardia, autore di un buon 12.16, resta ottavo in una competizione che vede schierati i giganti della velocità come il vincitore statunitense Richard Browne (10.96), detentore del record del mondo, ed il secondo classificato Jonnie Peacock (11.02), campione di Londra 2012 e beniamino di casa.

Risultati


2015-07-27
immagine centrale


Ultime notizie in Atletica