Logo Fispes

Assoluti di Isernia: lungo da record per Caironi, Dedaj e Cipelli

Versione stampabile
immagine sinistra

Nella prima giornata dei Campionati Italiani Paralimpici di Atletica leggera pioggia di primati nazionali conil salto in lungo che la fa da padrone.

Tra gli undici complessivi, tre i record italiani battuti sulla pedana dello Stadio Lancellotta di Isernia con, in evidenza, i prodigiosi balzi dell’argento paralimpico T42 di Rio, Martina Caironi. La saltatrice delle Fiamme Gialle infila una progressione impressionante di salti a partire da un 4,73 al secondo tentativo che migliora di 7 centimetri il suo primato nazionale ottenuto in Brasile l’anno scorso ed eguagliato poche settimane fa a Barcellona. Poi vola ad un 4,94 ventoso (+2.1) per assestarsi a 4,78 seguito dal 4,98 non omologabile sempre per vento oltre la norma (+2.6). Ottime le premesse per lei in vista della definizione della squadra che rappresenterà l’Italia ai Mondiali di Londra a luglio.

La campionessa paralimpica vince anche l’oro tricolore dei 100 T42 con 15.26 davanti alla compagna di podio di Rio, Monica Contrafatto. La velocista del Paralimpico Difesa realizza il suo personal best di 15.65 abbattendo di 21 centesimi il risultato che aveva fatto registrare al Grand Prix di Rieti. Dall’inizio dell’anno il bronzo dei Giochi brasiliani è riuscita a migliorarsi di oltre mezzo secondo, per l’esattezza di 55 centesimi. Sarà sicuro spettacolo tra le due sprinter al Golden Gala di Roma dove l’8 giugno sfideranno avversarie europee quotate nella gara più veloce.

Nel lungo, ma per la categoria T11, è Arjola Dedaj (Fiamme Azzurre) a riscrivere il nuovo record italiano di 4,71, conquistando 4 utili centimetri rispetto al suo limite precedente. Non delude nemmeno la giovane lunghista Francesca Cipelli (Veneto Special Sport) che alza ripetutamente l’asticella tra le T37 guadagnando all’ultimo salto 30 incredibili centimetri rispetto alla stagione outdoor del 2016 con il record di 4,03 (con risultati intermedi di 3,80 e 3,82).

È stato anche il giorno di Giuseppe Campoccio (Paralimpico Difesa) che conferma il suo buon momento di forma con il doppio primato nel disco e peso F33. Nel disco ha effettuato cinque lanci sopra la sua migliore prestazione assoluta di Rieti facendo cadere l’attrezzo a 25,70, mentre nel peso ha eguagliato la misura da primato di 10,42 di un mese fa.

In pista, Andrea Lanfri (Atletica Virtus Cassa di Risparmio di Lucca) è campione d’Italia dei 400 T43 e ritorna primatista assoluto con 56.34. È doppio record italiano T35 per Marco Baldini (Acli III millennio) che ferma il cronometro a 15.33 nei 100 mentre sul giro di pista il tempo è di 1:17:75.

Nei 1500 nuovi limiti tricolori per Bianca Marini (Anthropos Civitanova) tra le T35 che corre in 8:25:01 e per Fabrizio Vallone (Parco Sport Altofonte) per i T20 - disabilità intellettiva relazionale - in 4:18:27.

Negli altri concorsi Carmela Marino (Handy Sport Ragusa) fissa il nuovo primato assoluto a 7.41 di disco F32 e primo posto nel disco e nel peso F55 per la veterana dei lanci Carmen Acunto (Sempione 82). 

Domenica 4 giugno dalle 23.55 sintesi della seconda e ultima giornata di gare su Rai Sport + Hd.

Foto Mauro Pietrangelo

Risultati Live
http://www.fidalservizi.it/risultati/2017/Isernia_2017/Index.htm

Sito manifestazione
http://www.paralimpici2017isernia.it/


Programma orario            

 

DOMENICA 4 GIUGNO

Atleti

9,15

5000m

 

9,15

Peso  11-13; 40-46  M

 

9,15

Peso  52-57  M

 

9,15

Clava  31-32-51  M/F

 

9,15

Giavellotto  33-34  M

Campoccio

10,00

Giavellotto  52-57  F

 

10,15

200m

Di Marino, Lanfri

11,00

Peso  11-13; 40-46  F

Legnante

11,15

800m

 


2017-06-03
immagine centrale


Ultime notizie in Atletica